CAMERA DEI DEPUTATI

Zappulla – Rimborsi sisma ’90

Alle 74.320 famiglie siracusane riconosciuto pieno diritto al rimborso ma solo al 50%.

L’Agenzia Centrale delle Entrate, a partire dei prossimi giorni ha disposto il pagamento del rimborso ai lavoratori dipendenti delle provincie di Siracusa, Ragusa e Catania secondo l’ordine cronologico di presentazione delle istanze. Secondo Zappulla quest’operazione mostra palesi tratti di incostituzionalità, infatti, da un lato si riconosce il diritto al rimborso, ma dall’altro lo si riduce unilateralmente della metà (90milioni di euro), accampando l'assenza di una copertura finanziaria che già in partenza si sapeva essere inadeguata. Dichiara il parlamentare: “Se a un cittadino si chiede il pagamento di una tassa, può questi decidere legittimamente di pagarne solo il 50 per cento? Ai danni dei lavoratori è messa in atto, quindi, una sorte di transazione di massa decisa da una sola delle parti che non trova alcun riscontro nell’ordinamento giuridico italiano”. Pippo Zappulla conferma di aver già inviato specifica richiesta al ministro dell’Economia Padoan di inserire nell’imminente Legge di Stabilità le risorse sufficienti per pagare l’intero ammontare del dovuto, proponendo un ulteriore stanziamento di 90 milioni di euro per ogni anno finanziario: 2018, 2019, 2020 che aggiunti ai 90 milioni già disponibili fanno in totale 360 milioni. Quest’importo, su simulazioni sviluppate dalla stessa Agenzia delle Entrate, coprirebbe integralmente il rimborso spettante e, anche se spalmate su più anni finanziari, offre la certezza che sia versato il totale per intero. Zappulla considera ogni altra ipotesi, ingiusta e incostituzionale. Il deputato aggiunge: “ L’Agenzia delle Entrate ha già erogato, alla fine di agosto 2017, circa 3,5 milioni di euro a quei lavoratori dipendenti e autonomi che hanno ricevuto sentenze favorevoli. Oggi sono al vaglio le altre istanze presentate per un totale di 169,000 euro. Di queste, 47.500 ricadono sulla provincia di Catania, 47.300 in quella di Ragusa e oltre 74.000 sulla provincia di Siracusa". Zappulla conclude: “Non sfuggirà a nessuno l’importanza di una vicenda che oltre che segnare il rispetto di un diritto, rappresenta soprattutto una concreta boccata di ossigeno per migliaia di famiglie in una fase di crisi e di difficoltà economiche diffuse. Presenterò uno specifico emendamento alla Legge di Stabilità, fiducioso che lo stesso porterà la firma e il sostegno degli altri parlamentari siciliani e in particolare, siracusani, catanesi e ragusani”.

Categoria: