Sprar di contrada Spalla

Freddo in centro accoglienza, protesta a Siracusa

Alla base della protesta, inscenata in via Edoardo Garrone da un gruppo composto da 15 persone, le precarie condizioni dell'impianto elettrico che avrebbe acuito le difficolta' all'interno della struttura a causa del freddo
I migranti ospiti di un centro Sprar di contrada Spalla, alla periferia nord di Siracusa, hanno bloccato per poco meno di un'ora la strada con cassonetti dell'immondizia e panchine. Alla base della protesta, inscenata in via Edoardo Garrone da un gruppo composto da 15 persone, le precarie condizioni dell'impianto elettrico che avrebbe acuito le difficolta' all'interno della struttura a causa del freddo, la lentezza delle procedure per il riconoscimento dello status di rifugiato politico e la mancata erogazione dei soldi, attraverso i pocket money. Il ritardo sarebbe di circa due mesi, secondo la ricostruzione dei manifestanti. Sono intervenuti gli agenti di polizia di Siracusa ed i vigili urbani che hanno deviato il traffico poi dopo circa un'ora di trattative i migranti hanno rimosso gli ostacoli dalla strada ed hanno fatto rientro nel centro che ospita in totale 35 stranieri.

Categoria: